5 gennaio 2013

Di nuovo, realismo




Basta con le illusioni, diamine! La filosofia, lo si sa, è deboluccia di pensiero ma ci sarà pure qualche fatterello col quale la poverina "può tornare a misurarsi".

2 commenti:

Vito Lucio Maria ha detto...

... e, mi raccomando, senza rinunciare all'interpretazione come evitando, Dio non voglia, di cadere nello scientismo acritico ...

Apollonio Discolo ha detto...

E sì, acuto e ben informato Lettore: cagionevole com'è, bisogna che le sia dato ogni supporto ricostituente (come un po' d'omogeneizzato d'interpretazione, ovviamente, di realtà di filiera controllata) e che le si evitino le (ri)cadute, come la rovinosa a cui fa riferimento e a cui pare sia particolarmente esposta.
Insomma, solo dati di sicura qualità, come alimentazione; qualche passeggiatina nel parco tanto analitico quanto continentale, vita sana e regolata. E, per spasso, frequentazione di università di livello, di buoni festival, di adeguati salotti.
La filosofia si riprenderà e uscirà dal vicolo cieco in cui si era cacciata, frequentando anche parecchia gentaglia di dubbia reputazione. Capirà soprattutto finalmente ciò che è naturale e ciò che è culturale. Ogni cosa a suo posto, un posto per ogni cosa. Per il suo futuro, si può essere realisticamente tranquilli.