18 ottobre 2009

"L'influenza A é una normale influenza"

Strilla così da un annuncio pubblicitario che compare in questi giorni sui quotidiani italiani il povero Topo Gigio (povero ma, a quanto pare, ben remunerato: et pour cause).
E sotto, caso mai ci fossero dubbi su chi muove e fa parlare il simpatico pupazzo, si precisa: "é un'iniziativa congiunta" del Dipartimento per l'informazione e l'editoria della Presidenza del Consiglio dei ministri - Palazzo Chigi e del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali.
Lo stridulo sorcio assoldato come sicario per una strage di stato dell'ortografia? Pagato a peso d'oro per dare il cattivo esempio linguistico? Per nulla. Piuttosto per celebrare l'apoteosi della genialità comunicativa dei persuasori occulti al servizio delle istituzioni, che (come i loro committenti) ne sanno una più del diavolo e mandano messaggi per via subliminale.
Con raffinata sottigliezza infatti mettono così l'accento sul fatto che il morbo non è grave ma che il suo attacco è già acuto.

L'annuncio, come compare nell'opuscolo ufficiale

Nessun commento: