31 luglio 2013

Bollettino ortografico (2): Succedono anche cose del genere

Sono molte le guise con cui le lingue manifestano le differenze di genere grammaticale. Naturalmente, le lingue per le quali una nozione di genere grammaticale è pertinente. Non sono tutte. 
Non manca d'una sua perversa bizzarria il modo che in italiano (una lingua, appunto, non comune) produce la combinazione d'invariabilità formale e ortografia. Si sta quindi parlando di lingua scritta. 
A chi gli chiedesse "come si fa il femminile" nella sua lingua, chi parla italiano e lo scrive potrebbe infatti rispondere: "Tra le tante maniere diverse, persino con un apostrofo". 
Si prenda il caso della coppia Di Centa era un'atleta importante Di Centa era un atleta importante. Le due espressioni devono solo alla minuscola differenza grafica il fatto di riferirsi la prima alla fondista Manuela Di Centa, femminile, medaglia d'oro olimpica, la seconda a suo fratello Giorgio, maschile, anche lui fondista e anche lui medaglia d'oro olimpica.
Per la fabbricazione di opportune coppie contrastive, sono disponibili, tra gli altri, idiota e analfabeta,  entusiasta e apprendista. E anche idealista, per il quale si trova anzi un gustosissimo esempio di bisticcio di genere, se si fa scorrere rapidamente il lungo scritto, cui sotto si rinvia, e ci si ferma sul passo accompagnato dall'immagine qui riprodotta: se protagonista è "un'idealista", come fa a essere "il buon..."?
Succedono, appunto, anche cose del genere. Succedono anche ai professori che correggono gli errori altrui. Dovrebbero invitare tutti a sorridere e a temperare gli ardori censori.

Cose del genere (adesso, in versione corretta).

Per i filologi,  il passo fino al 31 luglio.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

http://cortmic.myblog.it/archive/2013/08/01/apostrofo.html

Apollonio Discolo ha detto...

Come sanno i suoi cinque fedeli sodali, Apollonio non è un aristarco ma grazie, gentile collega Blogger, della considerazione e del lungo commento. Grazie poi della pubblicità tra i Suoi molti lettori, anche a nome dell'alter ego di Apollonio, che si trova (immeritato onore) a fare da copertina al Suo post e nella cui prosa Apollonio osservò tempo fa, proprio in questa sede, una svista non troppo diversa dalla Sua. Del frustolo beneficato dal Suo articolato commento, questa non era peraltro il tema ma solo un'occasionale illustrazione: il Suo intervento ne ha certo amplificato l'eco.