18 ottobre 2012

Le occasioni di ridere... (1)




non vanno mai sprecate. Basta seguire questo link per trovarne a bizzeffe: fino alle lacrime.



5 commenti:

Anonimo ha detto...

Si ride per non piangere, in questo e in molti altri casi correnti. Forse proverò a leggerlo in classe e sentire cosa dicono gli studenti (ohibò, un caso di OVS?)del ruolo del latino in questo quadretto. Come per molte altre, grazie per la citazione.
Mauro Lena

Vito Lucio Maria ha detto...

Il clou è: "un ordine fisso senza morfologia è preferito"...

Apollonio Discolo ha detto...

Bisogna inseguire gli ulteriori link, tuttavia, sorridenti Lettori, per raggiungere l'apice dell'ilarità. Perché, come sempre, il merito (o il demerito) è di chi si fa venire in mente simili genialità (nei centri di ricerca di eccellenza) e non del(la) giornalista, che, come si fa in quel mestiere, copia semplicemente (come sa, può e capisce) altri lanci comunicativi e di sedicente divulgazione scientifica (scil. cruda propaganda: ed è qui, considerando chi ha inventato tali metodi di manipolatoria propaganda, che il riso può appunto tramutarsi in pianto).

Sesto Sereno ha detto...

No, non farò come il calzolaio che non sapeva (o voleva) limitare il suo giudizio alla suola delle scarpe; quindi non mi avventurerò per ardui sentieri; ma, certo, "il pallone (S) calcia (V) Cassano (O)" o il rigore (S) calcia (V) Pirlo (O)" produrrebbero rumore. Mai, però, come quello prodotto da Cassano (S) calcia (V) Pirlo(O).
Il vecchio Rascel, a questo punto, avrebbe cantato "..ho paura di aver fatto una grande confusion..."
Blak

Anonimo ha detto...

Strepitoso! E io che studiavo il metodo comparativo-ricostruttivo... e invece bastava guardare Guerre stellari! Tanti anni di studio buttati così, uffa.

Chissà qual'è l'"origine biologica" del mio sganasciamento. "Arduo da vedere il Lato Oscuro è". Ah, ah, ah (S, V, O).